La fibula di Montieri.Un gioiello medievale

La fibula di Montieri.

Un gioiello medievale

Pinacoteca Nazionale di Siena, 24 gennaio 2015 ore 11.30

 

Dal 24 gennaio verrà esposto presso la Pinacoteca Nazionale di Siena il gioiello trovato durante i recenti scavi archeologici, condotti dall’Università degli Studi di Siena, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali, in località Canonica, presso Montieri (GR).

La Canonica, dedicata a San Niccolò e costruita tra il XI e il XII secolo, fu legata al vescovo di Volterra come il vicino abitato di Montieri, importante castello in epoca medievale, connesso all’estrazione dei minerali argentiferi. Il gioiello, che fu deposto all’interno della chiesa del complesso religioso a indicare un luogo simbolico dell’edificio od in collegamento al rito di fondazione della chiesa è in oro, smalto, granato, ametiste e pasta vitrea. Databile alla prima metà dell’anno Mille, fu usato come fibula per abbellire o chiudere vesti e mantelli di uomini e donne. L’eccezionalità della scoperta archeologica, oltre che dalla preziosità del reperto, dipende anche dall’avere trovato la fibula nel suo originario contesto di deposizione. Sebbene il contesto di ritrovamento ed il gioiello siano ancora in corso di studio, per la sua unicità il reperto è reso sin da ora visibile al pubblico.

Alla presentazione, che si terrà sabato 24 gennaio alle ore 11.30 presso la Pinacoteca Nazionale, interverranno Mario Scalini, Soprintendente ai Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici per le province  Siena e Grosseto,  Andrea Pessina, Soprintendente per i Beni Archeologici della Toscana, Giovanna Bianchi, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università di Siena e Nicola Verruzzi, Sindaco di Montieri.

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

Omaggio a Manzù. Opere della collezione Cesare Brandi

Giornata nazionale dell’archeologia, del patrimonio artistico e del restauro

Pinacoteca Nazionale di Siena

 7 dicembre 2014

 OMAGGIO A MANZU’

OPERE DELLA COLLEZIONE CESARE BRANDI

In occasione della Giornata nazionale dell’archeologia, del patrimonio artistico e del restauro si espongono presso la Pinacoteca Nazionale di Siena le quattro piccole sculture in bronzo donate da Giacomo Manzù a Cesare Brandi. Le opere fanno parte della raccolta donata dal critico e storico d’arte allo Stato Italiano. Tra le altre si distingue il Ritratto di Cesare Brandi. Vengono esposte inoltre due opere di grafica che alludono al mito di Ulisse caro all’artista (a cura di Maria Mangiavacchi).

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

Giornata nazionale dell’archeologia, del patrimonio artistico e del restauro

In occasione della giornata nazionale dedicata alla valorizzazione del patrimoni artistico indetta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, si comunica che domenica 7 alle ore 15,45 sarà aperto al pubblico il Palazzo Chigi Piccolomini alla Postierla, via del Capitano 1 a Siena con la presentazione delle opere già dalla collezione Pratesi e acquistate dallo Stato nel 1997.
36 dipinti, in prevalenza opere dei principali protagonisti del Seicento senese, Rutilio Manetti, Bernardino Mei, Francesco Rustici, Astolfo Petrazzi, Raffaello Vanni, provenienti da dimore senesi, quadri da stanza a destinazione privata che trovano sulle pareti delle sale al piano nobile del Palazzo Chigi alla Postierla la loro più naturale collocazione. Lo spostamento ha riunito i dipinti fino ad oggi divisi in tre sedi diverse ed offre contestualmente alla città una ulteriore occasione culturale esponendo al pubblico (a partire da sabato 6 dicembre) nelle sale della Pinacoteca, in luogo di 22 tele spostate, altrettanti dipinti finora relegatiti negli uffici o nei depositi (Poppi, Cecco Bravo, Curradi, Bigot, ed altri, oltre ai capolavori recentemente esposti di Suttermans e Furini).
Dopo la presentazione del Soprintendente Mario Scalini e del coordinatore del Palazzo Chigi, Laura Martini, che ha curato l’allestimento delle due sedi, seguiranno le visite guidate ad ingresso gratuito secondo il seguente orario: ore 17,00, ore 17,45, ore 18,30.
Per le visite guidate è obbligatoria la prenotazione individuale per via telematica sbsae-si.urp@beniculturali.it . E’ previsto un massimo di 50 persone a visita

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

“Bianca e Blu. Una Moda Designer ed il suo archivio”. Decima Giornata del Contemporaneo alla Pinacoteca Nazionale di Siena

In occasione della Decima Giornata del Contemporaneo promossa dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani (AMACI) e sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, sabato 11 ottobre alle ore 11:00 la Pinacoteca Nazionale di Siena  presenta al pubblico una selezione di abiti e accessori della collezione firmata con l’etichetta “Bianca e Blu”.

La Soprintendenza BSAE di Siena e Grosseto, infatti, nel 2013 ha ricevuto in dono alcuni capi “vestimentali” realizzati da Monica Bolzoni durante la sua intensa attività creatrice.

Se di moda in senso stretto non è corretto parlare per l’attività svolta col marchio Bianca e Blu, rilevato e sviluppato per l’implicita idea di semplicità e freschezza richiamata, va però segnalato come la Bolzoni abbia inteso dar vita a capi ed accessori che, pur lasciando ampio spazio all’inventiva ed all’accostamento ad altro, da parte dei fruitori, finissero per dare, di per sé un segnale di design minimalista, spesso, al meglio allineato con i tempi.

Accogliere oggetti relati all’abbigliamento ed al corpo in un contesto museale, contrapponendoli ad antiche reliquie della nostra cultura materiale e perfino a capolavori assoluti destinati alla venerazione culturale e più tardi estetica di contemporanei e posteri, è una operazione non nuova ma certo innovativa, allineata con le intenzioni programmatiche del Ministero.

L’obiettivo fondamentale è quello di far riflettere il pubblico sulla interrelazione da sempre esistente tra manufatto ed uso, in ogni settore.

Il finanziamento ministeriale che ha consentito la digitalizzazione di una parte significativa e selezionata dell’archivio di Monica Bolzoni, consentirà ai giovani, sia di Siena che di altri luoghi che avranno interesse per questa attività “creativa culturale” (UNESCO), di esplorare anche da “remoto”, le tappe di una carriera tanto singolare, quanto varia, di uno dei protagonisti della moda italiana.

 

Per info: sbsae-si.urp@beniculturali.it; Tel. 0577 41246

 

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

La Spada di San Giorgio. Un capolavoro di oreficeria gotica dal Museo Schnütgen di Colonia

Sabato 20 settembre alle ore 15:00

Pinacoteca Nazionale di Siena
20 settembre 2014 – 1 febbraio 2015

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2014, sabato 20 settembre alle ore 15:00 la Pinacoteca Nazionale di Siena inaugurerà la mostra “La Spada di San Giorgio. Un capolavoro di oreficeria gotica dal Museo Schnütgen di Colonia”, che resterà aperta fino al 1 febbraio 2015.

Il territorio senese è caratterizzato da leggende e tradizioni antichissime, tra cui la devozione a San Galgano, santo che lasciò la sua spada infissa nella roccia ove poi sorse l’oratorio di Montesiepi (Chiusdino).
Il legame con quest’arma, tipica del mondo medievale cavalleresco, ha nel tempo suscitato studi e riflessioni. Per questo motivo, la Pinacoteca Nazionale di Siena ospita oggi il generoso prestito dello Schnütgen Museum di Colonia: la Spada di San Giorgio.
Arma medievale rapportabile con quella di Galgano e quella di Maurizio (ora all’Armeria Reale di Torino), la spada tedesca mostra smalti traslucidi tra i più antichi, noti ed allusivi, con la presentazione della farfalla, alla resurrezione dei martiri cristiani.

Durante la giornata del 20 settembre 2014 l’ingresso alla Pinacoteca Nazionale di Siena sarà al prezzo simbolico di un Euro e il Museo resterà aperto con orario prolungato fino alle ore 24:00.

Info: sbsae-si.urp@beniculturali.it ; Tel. 0577 41246

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

Passeggiando in città. Visite guidate gratuite ai Palazzi senesi in occasione della Festa della Toscana 2013

Sabato 30 novembre l’Accademia Musicale Chigiana, in collaborazione con Prefettura di Siena, Provincia di Siena e Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le province di Siena e Grosseto, dedica il pomeriggio alla ricorrenza dell’anniversario della Riforma Penale promulgata il 30 novembre 1786 da Pietro Leopoldo di Lorena, Granduca di Toscana, che, per la prima volta nella storia, abolì la pena di morte in Toscana.

 L’Iniziativa, ad ingresso libero, realizzata con il contributo del Consiglio Regionale della Toscana nell’ambito, appunto, della Festa della Toscana 2013, e organizzata da Vernice Progetti Culturali, prevede un percorso guidato attraverso tre Palazzi storici della nostra città, oltre ad un incontro di approfondimento sui principali aspetti delle “illuminate” riforme leopoldine.

Accompagnati lungo tutto il percorso, e da una sede all’altra, da guide specializzate, gruppi di massimo 25 persone potranno, infatti, accedere alle sale di Palazzo Chigi Saracini, sede della Chigiana (Via di Città, 89), Palazzo Chigi alla Postierla, sede della Soprintendenza (Via del Capitano 1) e Palazzo del Governo, sede sia della Prefettura che della Provincia (Piazza Duomo 9) a partire dalle 14.30 fino alle 17, orario di inizio dell’ultima visita. Consigliata la prenotazione, la visita complessiva avrà una durata di circa 75 minuti.

 Terminate le visite, alle 18.30 la Chigiana organizza, aperto al pubblico, il dibattito dal titolo Pietro Leopoldo, riformatore illuminato. Si tratta di una dissertazione sulle riforme leopoldine a cura di storici e storici del diritto, rinomati esperti del contesto accademico senese, che si terrà nel Salone dei Concerti dell’Accademia Chigiana, con interventi di Cesare Mancini, Floriana Colao, Giuliano Catoni e Mario De Gregorio.

 Per prenotazioni e informazioni contattare Vernice Progetti Culturali srlu allo 0577-226406, dalle ore 8.30 alle 17.30. www.verniceprogetti.it. info@verniceprogetti.it.

 Ulteriori informazioni sui Palazzi sono consultabili su:

http://www.chigiana.it/scopri-laccademia/il-palazzo/

http://www.prefettura.it/siena;

http://www.provincia.siena.it

http://www.spsae-si.beniculturali.it/index.php?it/246/palazzo-chigi-piccolomini-alla-postierla

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

sabato 5 ottobre: Nona Giornata del Contemporaneo alla Pinacoteca Nazionale di Siena

Per la Nona Giornata del Contemporaneo promossa dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani (AMACI) e sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, la Soprintendenza dei Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Siena e Grosseto, come d’uso, propone un evento: da sabato 5 ottobre si espongono presso la Pinacoteca Nazionale di Siena due capolavori di Giorgio Morandi donati all’amico Cesare Brandi per la sua Villa di Vignano, Paesaggio di Roffeno (1934) e Natura morta (1957).

Nel Paesaggio di Roffeno (il luogo dell’Appennino emiliano dove l’artista trascorse le estati dal 1933 al 1938),  Morandi utilizza una materia densa e sfatta, giocata sui toni bruni, ma sostenuta da una pennellata marcata e con forti colpi di biacca che inondano di luce il paesaggio. L’artista, consapevole dell’importanza del dipinto, lo regalò all’amico ed estimatore Cesare Brandi che, a partire dal 1939, gli aveva dedicato molti contributi critici.

La Natura morta esemplifica la fase tarda del cammino artistico di Morandi. Eseguita intorno al 1957, è caratterizzata dall’intonazione spenta, tenue e prevalentemente chiara e dal tentativo di offrire una dislocazione spaziale diversa agli oggetti polverosi e consunti, messi in posa e serrati fra loro in profondità.

Un piccolo percorso che sottolinea la cospicuità della raccolta del grande storico e critico d’arte senese, che condivise rapporti d’amicizia con gli artisti più significativi del Novecento.

Per info: sbsae-si.urp@beniculturali.it; Tel. 0577 41246.

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

Giornate Europee del Patrimonio 2013

Mattias de’ Medici, Governatore di Siena e collezionista
 

Sabato 28 settembre alle ore 11:00

Pinacoteca Nazionale di Siena

 

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2013 e a conclusione dell’esposizione “Mattias de’ Medici: un Principe per Siena”, sabato 28 settembre alle ore 11:00, la Pinacoteca Nazionale di Siena ospiterà la conferenza del Prof. Marco Ciampolini, docente dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, “Mattias de’ Medici, Governatore di Siena e collezionista”.

Mattias de’ Medici, all’interno della famiglia regnante toscana, è sempre stato considerato un principe condottiero, per il suo lungo servizio nella Guerra dei Trent’anni prima e in quella barberina poi. Indubbiamente l’esperienza militare segnò molto il gusto del principe, fino a fargli condizionare un genere, quello della Battaglia, nato proprio nel suo secolo. Grazie a lui e alle direttive date al suo “pittore di battaglie”, Jacques Courtois detto il Borgognone, si passò dalla “battaglia con l’eroe”, celebrativa di un personaggio, alla “battaglia realistica”, documentaria dell’evento bellico o illustrante particolari fasi dell’evento. Già questo basterebbe a innalzare la considerazione di Mattias quale committente d’arte, ma a lui spetta anche un ruolo centrale per la nascita del “genere pauperistico”, ossia della pittura che innalza le figure del popolo ad eroi: poveri celebrati a figura intera in pose monumentali, ma con tutti i segni della loro miseria. Proprio Mattias commissionò due capisaldi del genere: il Ciarlatano di Bernardino Mei e il Cieco di Gambassi di Livio Mehus. Mattias fu dunque un mecenate anche per gli artisti senesi, oltre a Mei protesse, Tornioli, Petrazzi e Manetti e fece ingrandire il suo palazzo in Piazza del Duomo a Benedetto Giovannelli Orlandi, il maggiore architetto di Siena nel Seicento, trasformando l’edificio in una reggia. Dei lavori artistici promossi dal principe nel palazzo non rimane che un affresco nella sua camera da letto, ma probabilmente sotto i cannicci novecenteschi di quello che fu il suo appartamento privato si celano ancora altre decorazioni.

Durante le “Giornate Europee del Patrimonio” del 28 e 29 settembre 2013, l’ingresso a tutti i luoghi della cultura statali è gratuito e la Pinacoteca Nazionale di Siena osserverà il seguente orario di apertura al pubblico:
– sabato 28 settembre: 8,15 – 19,15
– domenica 29 settembre: 9,00 – 13,00

 

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

AVVISO

Si comunica che in data odierna si riunisce la Commissione giudicatrice per il bando di gara relativo all’appalto di concessione di lavori pubblici per la formazione e gestione di una banca dati di diagnostica alle ore 10:30.

La seduta è pubblica.

 

IL SOPRINTENDENTE

Mario Scalini

 

 

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi

“Soldati di casa Medici. Testimoni della grandezza dinastica nel panorama internazionale della guerra” di Carla Sodini

Nell’ambito degli “Incontri del giovedì”, la Soprintendenza BSAE di
Siena e Grosseto propone un ciclo di conferenze dedicate a Mattias de’ Medici,
in occasione del IV centenario dalla nascita.

Il quinto incontro, “Soldati di casa Medici. Testimoni della
grandezza dinastica nel panorama internazionale della guerra”
, sarà
tenuto da Carla Sodini, giovedì 20 giugno alle ore 20:30 presso
la Pinacoteca Nazionale di Siena.

La conferenza propone una lettura della storia dinastica medicea del XVII
secolo dal punto di vista militare e mette in evidenza come i Granduchi abbiano
utilizzato la partecipazione alle guerre europee – fra cui quella dei Trenta
Anni (dal 1618 al 1648) – non solo per esaltare il valore familiare e dei grandi
soldati toscani, ma anche per rafforzare il proprio ruolo politico
internazionale.

In questo contesto, anche l’attività militare di Mattias de’ Medici assume
un significato particolare che si intreccia con la biografia di un altro grande
uomo d’arme del casato, don Giovanni de’ Medici, figlio del Granduca di Toscana
Cosimo I e strenuo comandante degli eserciti imperiale e veneziano.

Ingresso libero

Info: sbsae-si.urp@beniculturali.it; Tel. 0577 41246

Pubblicato in eventi | Commenti chiusi